Saturday 17 Apr 2021

You are here Fita Veneto Gran Premio FITA: un riconoscimento a La Moscheta

Gran Premio FITA: un riconoscimento a La Moscheta

Nicola Marconi, della compagnia La Moscheta di Verona, ha conquistato il trofeo come miglior attore non protagonista al Gran Premio del Teatro Amatoriale, concorso indetto dalla Federazione Italiana Teatro Amatori (FITA) alla cui quinta edizione hanno partecipato quattordici spettacoli, vincitori dei premi abbinati alla kermesse per iniziativa dei rispettivi Comitati regionali FITA.
Causa pandemia, nel 2020 la rassegna si era interrotta a due rappresentazioni dalla fine, per cui la cerimonia conclusiva, tenutasi lo scorso sabato 27 marzo (Giornata mondiale del Teatro), si è svolta a porte chiuse, presentata da Ketty Riolo e Gennaro Calabrese e trasmessa attraverso i social e la neonata web tv federativa. Il tutto da quello stesso Teatro Grandinetti di Lamezia Terme (Catanzaro) che aveva ospitato il concorso, realizzato in collaborazione con l'associazione teatrale I Vacantusi e FITA Calabria e con il patrocinio della Regione Calabria e del Comune di Lamezia Terme.

Grande emozione, comunque, per i rappresentanti di FITA Veneto, in lizza con "Ben Hur (una storia di ordinaria periferia)" di Gianni Clementi, per la regia di Daniele Marchesini. Nel lavoro, che rispetto all'originale sposta l'azione da Roma a Verona, Marconi veste i panni di Milan, immigrato irregolare dotato di intelligenza e spirito di iniziativa.

A vincere il Gran Premio come migliore spettacolo è stato "Il nome", dalla commedia di Matthieu Delaporte e Alexandre de la Patellière, presentato dal Piccolo Teatro di Terracina in rappresentanza del Lazio. La compagnia ha ottenuto anche i premi per il miglior attore protagonista (Bruno Perroni), l'adattamento e la regia (Roberto Percoco). Gli altri premi in palio sono andati alla compagnia Archivio Futuro di Napoli, in concorso con "Filumena Marturano" di Eduardo De Filippo: attrice non protagonista (Elena Maggio), attrice protagonista (Ornella Girimonti) e allestimento scenografico.
Gli altri spettacoli in concorso arrivavano da Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia e Toscana.