Saturday 10 Dec 2022

You are here Archivio notizie Vicenza La Compagnia Astichello di Monticello Conte Otto compie 25 anni e li festeggia giovedì 8 dicembre con il pubblico

La Compagnia Astichello di Monticello Conte Otto compie 25 anni e li festeggia giovedì 8 dicembre con il pubblico

Venticinque anni da festeggiare per la compagnia teatrale Astichello di Monticello Conte Otto, che giovedì 8 dicembre alle 17.30 dà appuntamento al pubblico - che da un quarto di secolo la segue con affetto - nell'aula magna delle Scuole Medie di Cavazzale, per un pomeriggio all'insegna dei ricordi, delle testimonianze e dei progetti.

Presenti autorità e ospiti, l'evento (a ingresso libero) consentirà agli appassionati di ripercorrere attraverso filmati e interventi la lunga e brillante strada che ha portato la Astichello ad essere da semplice gruppo di persone legate dall'amore per il palcoscenico ma soprattutto - nota distintiva di questa formazione - per le tradizioni locali, una delle compagini amatoriali più seguite e applaudite non solo del Vicentino, con un ricco palmares di vittorie e riconoscimenti a livello nazionale e gratificanti esperienze anche all'estero (indimenticabile la lunga tournée del 2007 nel Rio Grande do Sul, in Brasile).
E un ricordo particolare e commosso, naturalmente, andrà all'amico scomparso troppo presto: Danilo Dal Maso, tra i fondatori della compagnia e autore, insieme a Gianfranco Sinico, di molti tra i più riusciti allestimenti del gruppo, a cominciare da "El mas'cio: processo, morte e resuression", divenuto un'icona del teatro veneto di tradizione. Non a caso, proprio a lui è dedicato il premio da anni legato alla rassegna "Febbraio a Teatro", organizzata dalla compagnia con il sostegno del Comune di Monticello Conte Otto.
Ormai molto ricco è il repertorio della pluripremiata compagnia, attualmente impegnata - tra repliche, allestimenti, registrazioni video ed esperienze televisive - in due commedie di notevole successo: "Ah, la gelosia!", da una pièce di Alexandre Bisson, e "L'avocato dele cause perse", da una farsa di Mario Amendola e Bruno Corbucci, entrambe tradotte in vicentino da Antonio Stefani e dirette da Aldo "Alvin" Zordan. E intanto, neanche a dirlo, qualcosa di nuovo bolle in pentola...