Friday 31 Mar 2023

You are here Maschera d`Oro 32^ edizione 2020-2023 Festival nazionale Maschera d'Oro: il ritorno a febbraio

Festival nazionale Maschera d'Oro: il ritorno a febbraio

Torna (da dove si era interrotta) la 32ª edizione del Festival Nazionale "Maschera d'Oro", la kermesse organizzata dal Comitato veneto della Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita) sospesa nel 2020 per lo scoppio della pandemia, dopo l'esibizione di tre delle sette compagnie finaliste. La manifestazione è realizzata in collaborazione con Regione del Veneto, Comune di Vicenza, Il Giornale di Vicenza e Confartigianato Imprese Vicenza e con il patrocinio, tra gli altri, di Presidenza della Repubblica, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Amministrazione Provinciale di Vicenza e Fita nazionale.

Il sipario del Teatro San Marco di Vicenza si riaprirà sabato 25 febbraio, per ospitare i quattro spettacoli mancanti, fino alla serata di gala di sabato 25 marzo, quando si conosceranno i vincitori di questa edizione, certamente la più complicata nella storia più che trentennale del noto Festival. Si completerà così anche la 26ª edizione dell'abbinato Premio «Faber Teatro» di Confartigianato Imprese Vicenza, che consente alla compagnia vincitrice della «Maschera» di esibirsi per una sera sul palcoscenico del palladiano Teatro Olimpico.

Il festival si era interrotto dopo l'esibizione de Lo Scrigno di Vicenza in "Sette minuti" di Stefano Massini, per la regia di Amer Sinno, della Filodrammatica di Laives ne "Il marito di mio figlio" di Daniele Falleri, diretto da Roby De Tomas, e del gruppo Teatrodrao - TeatroTre di Ancona in "Equus" di Peter Shaffer, per la regia di Davide Giovagnetti.

Da qui si ripartirà, dunque, sabato 25 febbraio, con il solo cambiamento rispetto al programma originario, resosi necessario per l'indisponibilità della compagnia I Pinguini di Firenze, giunta in finale con "La colpa è del giardino" di Edward Albee: al suo posto, come da graduatoria dei selezionatori, entrerà in gara il Teatro del Corvo di Padova con "Tre sull'altalena" di Luigi Lunari, per la regia condivisa degli stessi interpreti. Sabato 4 marzo sarà la volta de Il Dialogo di Cimitile, in provincia di Napoli, di scena con un grande classico di Eduardo De Filippo, "Napoli milionaria", per la regia di Ciro Ruoppo. Sabato 11 marzo toccherà alla Compagnia dell'Orso di Lonigo, in provincia di Vicenza, selezionata per "Le Chat Noir", lavoro scritto e diretto da Paolo Marchetto. Infine, sabato 18 marzo, ancora un testo di Lunari, "Nel nome del padre" con La Corte dei Folli di Fossano (Cuneo), per la regia di Stefano Sandroni. La proclamazione dei vincitori è fissata per sabato 25 marzo, con lo spettacolo fuori concorso già previsto dal cartellone: "A Republica dei mati", pluripremiato allestimento scritto e diretto da Roberto Cuppone e interpretato da Gigi Mardegan de Il Satiro di Treviso.

«Con il presidente FITA Veneto, Mauro Dalla Villa, e i componenti del Consiglio direttivo regionale – spiega Aldo Zordan, coordinatore e anima del Festival, oltre che vicepresidente nazionale FITA - ci siamo impegnati al massimo per riuscire a concludere questa tormentata edizione. Le problematiche, come si può immaginare, sono state numerose: dal ripetersi a macchia di leopardo delle chiusure dei teatri nelle fasi di recrudescenza del virus, alla complessità logistica di trasferire compagnie di altre regioni, il tutto dovendo anche far coincidere il calendario della kermesse con l'agenda delle singole formazioni, impegnate nella difficile ripresa delle attività. Un grazie davvero speciale – conclude Zordan – voglio rivolgerlo ai nostri abbonati che hanno voluto restare al nostro fianco, non ritirando la propria adesione al festival in questi lunghi mesi di attesa: un segno di affetto e di fiducia che si ha dato la carica per riuscire a riallacciare il filo interrotto di questo bel Festival, tanto amato dal pubblico».

Gli abbonamenti 2020 rimangono validi per gli spettacoli in cartellone e per la serata delle premiazioni.

Il programma completo