Sunday 27 Sep 2020

You are here Fita Veneto Tra domenica 14 e lunedì 15 giugno evento per il Teatro

Tra domenica 14 e lunedì 15 giugno evento per il Teatro

Ha il sapore della rinascita, del desiderio di lasciarsi alle spalle uno dei periodi più drammatici e complessi della storia recente, ma con gli occhi ben aperti sul futuro, sulla necessità di trovare risposte praticabili e durature alle domande aperte dall'emergenza Covid-19. Con queste premesse nasce la serata-evento "Capodanno del Teatro", iniziativa firmata da FITA Puglia e condivisa a livello nazionale dalla Federazione Italiana Teatro Amatori, leader nel settore con circa 1500 compagnie aderenti: un mondo che vede il Veneto al primo posto, con 235 gruppi iscritti e oltre 5 mila tesserati.

Un appuntamento dal forte significato simbolico, che andrà in scena nel giardino del Relais Corte Meraviglia di Giovinazzo (Bari) nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 giugno, giorno stabilito per la ripartenza delle attività teatrali.
L'evento inizierà alle 22, aperto "fisicamente" a cinquanta ospiti, che attenderanno la fatidica data tra il piacere di ritrovarsi e qualche prelibatezza gastronomica. In più, a riaprire ufficialmente l'attività teatrale, il gruppo Thea3 di Bari proporrà "I favolosi anni 60" di Emanuele Battista, con Susi Rutigliano e Maurizio Sarubbi, impegnato anche alla regia: una performance coinvolgente, dedicata a quel periodo di rinascita e rinnovamento dopo la guerra.
Momento clou della serata, condotta dalla presidente della FITA pugliese, Anna Maria Carella, sarà il brindisi di mezzanotte, che celebrerà il ritorno in scena del teatro italiano e sarà seguito in diretta Facebook sulla pagina nazionale FITA a partire dalle 23.45, con condivisioni che attraverseranno tutta la penisola grazie alla fitta rete dei Comitati regionali e provinciali della Federazione.
"Questo evento - commenta Mauro Dalla Villa, presidente FITA Veneto - vuole essere un modo per celebrare insieme il ritorno al teatro, sulla scena e in platea. Un momento di ripartenza verso un'estate nella quale faremo tutto il possibile per ritrovare e trasmettere serenità ed entusiasmo dopo i mesi difficili che abbiamo attraversato. Contiamo molto, in questo, sulla collaborazione delle istituzioni locali, che da sempre sanno di avere nella FITA e nelle sue compagnie partner ideali per portare il teatro ovunque, anche nei centri più piccoli e periferici".
"La nostra Federazione - prosegue Aldo Zordan, vicepresidente nazionale FITA - si è impegnata molto in questi mesi per rappresentare, informare e mantenere in collegamento gli associati. La possibilità da tornare sulle scene dal 15 giugno è un momento certamente significativo e da celebrare, ma i nodi da sciogliere per il sistema-teatro rimangono molti, anche in vista della stagione autunnale: su questi fronti, a tutti i livelli, FITA rimane in prima linea".