Thursday 21 Nov 2019

You are here Fita Veneto Gran Premio Veneto: La Moscheta... vola alla finale nazionale

Gran Premio Veneto: La Moscheta... vola alla finale nazionale

Sarà la compagnia La Moscheta di Colognola ai Colli (Verona) a rappresentare il Veneto al prossimo Gran Premio del Teatro Amatoriale, il concorso nazionale della Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita), che riunisce i "campioni" di numerose regioni, tredici nella passata edizione. La formazione scaligera si è infatti imposta nella fase regionale della kermesse, organizzata da Fita Veneto, con lo spettacolo "Ben Hur" di Gianni Clementi, per la regia di Daniele Marchesini. La proclamazione è avvenuta domenica 20 ottobre ad Adria (Rovigo), nel corso del congresso regionale Fita Veneto.

Le fasi provinciali avevano decretato gli altri sfidanti: Teatrotergola di Vigonza (Padova) con "Si salvi chi può" di Tonino Micheluzzi, regia di Monica Minotto; El Canfin di Baricetta (Rovigo) in "Villa Artemisia" di Velise Bonfante, regia di Gianni Rossi; Teatro d'Arte di Spresiano (Treviso) in "El selvadego" da Menandro, regia di Valentina Bertelli e Federico Granziera; la compagnia Amici del Teatro di Pianiga (Venezia) in "Ancora sei ore", testo e regia di Davide Stefanato; La Crisalide di Vicenza ne "Il giardino dei ciliegi" di Anton Cechov, regia di Giocondo Petrolati.
Lo spettacolo de La Moscheta è una versione venetizzata del testo di Clementi: uno spaccato caustico della società attuale, nel quale la comicità lascia spazio, con intelligenza e forte impatto, alla riflessione. La trama ruota attorno a due fratelli che vivono insieme in un modesto appartamento, lui ex stuntman che vive nell'illusione di un grande risarcimento, lei che si arrangia come voce di una linea erotica. L'arrivo di Milan, un immigrato irregolare pieno di iniziativa e talento, sembra dare una svolta alle loro vite.
Nella passata edizione del Gran Premio - vinta dalla Puglia e svoltasi nel triangolo archeologico di Napoli, tra Pompei, Ercolano e Torre Annunziata - il Veneto era stato rappresentato dal Teatro del Corvo di Padova con "Tre sull'altalena" di Luigi Lunari.