Saturday 07 Dec 2019

You are here Fita Veneto Comitato di Vicenza La Favola al debutto l'8 dicembre con "Bullo da sballo" a Bertesina

La Favola al debutto l'8 dicembre con "Bullo da sballo" a Bertesina

Tempo di debutto per il gruppo La Favola di Vicenza: il suo nuovo spettacolo,"Bullo da sballo", con testo e regia di Federico Boaria, Maria Maddalena Galvan e Francesca Pozza, andrà in scena in anteprima domenica 1 dicembre alle 16 nello spazio teatrale della Parrocchia Maria Ausiliatrice per poi debuttare ufficialmente domenica 8 dicembre al Teatrino di Bertesina alle 16.30; ma altre date, sempre nel Vicentino, sono già fissate: domenica 12 gennaio alle 16.30 al teatro Ariston di Bolzano Vicentino e domenica 19 gennaio alle 17 nella Sala parrocchiale polivalente di Dueville.

La vicenda è ambientata negli Anni Sessanta, negli Stati Uniti in una scuola come tante. Durante una mattinata qualsiasi, le normali relazioni tra i vivaci studenti vengono segnate da inconsueti gesti di prevaricazione e finiscono per sfociare in altalenanti momenti di sottomissione e prepotenza. Un piccolo gruppo di bulli sconvolge la tranquilla vita di classe e turba i bimbi più piccoli della scuola vicina. Dietro a tante tensioni, però, non c'è solo aggressività gratuita; c'è il dramma della solitudine esistenziale che attanaglia i giovani spacconi. Matthew fugge dal suo malessere e sfoga la sua rabbia picchiando, finché i compagni, scoprendo cosa nasconde nello zaino, riescono a vedere... in fondo al suo cuore.
"Il tema del bullismo - si legge nelle note di regia dello spettacolo, già proposto in una diversa versione dieci anni fa -, oggi più che mai di grande attualità, ci ha fortemente stimolati a scandagliare gli aspetti umani e le conseguenze sociali. Abbiamo voluto analizzarlo da un angolatura diversa: tralasciato il punto di vista della ‘vittima perseguitata', la nostra attenzione si è rivolta al bullo. Lo abbiamo guardato negli occhi. Occhi belli, giovani, apparentemente innocenti, ci hanno sorriso beffardi. Poi, sostenendo lo sguardo, abbiamo visto qualcosa: un dolore lontano, una paura più grande e abbiamo iniziato a capire".