Monday 18 Jun 2018

You are here Fita Veneto Elezioni: con l'AGENDA DELLE PRIORITÀ anche Fita Veneto chiede ai candidati un impegno per il Teatro amatoriale

Elezioni: con l'AGENDA DELLE PRIORITÀ anche Fita Veneto chiede ai candidati un impegno per il Teatro amatoriale

Anche la Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita) del Veneto aderisce alla campagna «Agenda delle Priorità del Teatro Amatoriale», avviata dalla propria rappresentanza nazionale e rivolta a tutti i partiti e a tutti i candidati in lizza alle prossime elezioni politiche, oltre che ai candidati alla presidenza di Lazio e Lombardia.

«Appoggiamo questa operazione - dichiara Mauro Dalla Villa, presidente di Fita Veneto - , che ora rilanciamo ai candidati del nostro territorio. Se infatti la Fita, leader in Italia con più di 1.400 compagnie e oltre 23mila tesserati, è apolitica e apartitica, non può esimersi, proprio per il suo ruolo di rappresentanza, dal far sentire la propria voce alla politica e ai partiti. Quello che si chiede alle forze politiche è di assumere un impegno dichiarato nei confronti di una realtà, quella del teatro amatoriale, che ha un ruolo sempre più riconosciuto a livello sociale, culturale ed economico. Chi è disposto a sottoscrivere i punti evidenziati nell'l'Agenda Fita si faccia sentire e noi lo faremo sapere».

Mauro Dalla VillaMauro Dalla Villa

Tre le priorità segnalate ai candidati alle politiche: «La prima - spiega Dalla Villa - riguarda la Legge sullo spettacolo dal vivo, che Fita ha attivamente appoggiato e che ora è in attesa dei decreti attuativi. Chiediamo quindi che, in tempi brevi, si apra un tavolo di confronto con il Ministero e che a quel tavolo Fita sia presente».
Il secondo punto dell'Agenda riguarda la «semplificazione della normativa delle associazioni culturali senza fini di lucro e di promozione sociale, mediante un intervento concordato sui decreti di attuazione della Legge di riforma del terzo settore». Il terzo, infine, chiede ai candidati un impegno generale «a prevedere sgravi e facilitazioni fiscali per tutto il teatro amatoriale» ed uno specifico, ossia «l'eliminazione dell'imposta di bollo di 100 euro l'anno sui conti correnti».
Quanto ai candidati alla presidenza di Lazio e Lombardia, l'impegno richiesto è di attivarsi affinché la propria Regione, «in linea con la normativa nazionale e con apposito atto legislativo, riconosca il valore e la funzione del teatro amatoriale e delle Federazioni di teatro amatoriale operanti nel territorio regionale» e «destini alla loro attività idonee risorse finanziarie del settore, anche rimuovendo, ove esistenti, disposizioni che ne limitano l'utilizzo».

Il testo completo dell'Agenda delle Priorità è disponibile nei siti www.fitaveneto.org e www.fitateatro.it Le risposte delle segreterie dei partiti e dei singoli candidati alle politiche devono essere inviate a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro le 15 di giovedì 1 marzo. Saranno pubblicate nei mezzi di informazione della Fita e rese note alla stampa.


Lettera alle Segreterie dei Partiti (file PDF)

Documento Nazionale Agenda delle Priorità per il Teatro Amatoriale (file PDF)

Regolamento  (file PDF)

Tel. +390444324907
P.IVA 02852000245
Comitato regionale:
INFORMATIVA PRIVACY & COOKIES