Thursday 23 Nov 2017

You are here Fita Veneto Addio a Gian Antonio Cibotto studioso e amico di Fita Veneto

Addio a Gian Antonio Cibotto studioso e amico di Fita Veneto

Si è spento sabato 12 agosto, all'età di 92 anni, Gian Antonio Cibotto, tra i più importanti studiosi di letteratura e teatro veneto. Numerose le opere di narrativa firmate dal rodigino, tra le quali Cronache dell'alluvione, La vaca mora, Stramalora e Diario veneto.

Preziosissimo il suo contributo allo studio e alla diffusione del Teatro veneto, sia come saggista che come giornalista e critico. In particolare, a lui si deve la riscoperta, nel dopoguerra, dell'opera del Ruzante, al quale ha dedicato tra l'altro, per Einaudi, una nota traduzione dei Dialoghi. Sul fronte della saggistica, inoltre, da ricordare il suo Teatro Veneto, che rimane pietra miliare in questo ambito.
Molto stretto il suo rapporto con Fita Veneto, che nel 2011 gli aveva assegnato il Premio Renato Salvato per l'impegno in favore della cultura teatrale. Cibotto, inoltre, aveva fatto parte per diversi anni della giuria del Festival Nazionale "Maschera d'Oro", promosso anch'esso dal comitato regionale della federazione.

Una bella immagine del giornalista e scrittore, da "Il viaggio di Toni" di Lino Bottaro.