Thursday 21 Nov 2019

You are here Compagnie Verona Nuova Compagnia Teatrale di Verona

Nuova Compagnia Teatrale di Verona

Anno di fondazione: 1990
Presidente: Domenico Veraldi
Indirizzo: Via Di Cambio 16, 37100 Verona
Telefono: 348 5240521
Fax: -
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Sito web: www.nuovacompagniateatrale.it
Referenti: Enzo Rapisarda e Domenico Veraldi - 348 5240521 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Spettacoli disponibili


IL CONFINE DELLA PIOGGIA
di Enzo Rapisarda

Regia di Enzo Rapisarda

Tipo di teatro: commedia

LOCANDINALOCANDINA    
Pippo Lo Presti è un quarantenne, ricco imprenditore, titolare di una società di import ed export, sposato ed innamorato della moglie Miranda; legatissimo ad Attilio, caro amico dai tempi della scuola. La vita di Pippo sarebbe perfetta se non fosse per un “particolare”: è balbuziente. Questo handicap lo ha portato a perdere ogni entusiasmo per la vita stessa. Ormai è convinto che non conti nulla vivere da balbuziente ed è così depresso che pensa spesso al suicidio. Dopo innumerevoli tentativi di guarigione, risultati sempre inutili, sembra ormai tutto volgere al peggio ma il caso vuole che un altro tentativo spinga Pippo a credere e sperare ancora.

IL GIUOCO DELLE PARTI
di Luigi Pirandello

Regia di Enzo Rapisarda

Tipo di teatro: drammatico

LOCANDINALOCANDINA    
I personaggi principali costituiscono il solito triangolo: moglie, marito e amante, ma non si tratta di un dramma a sfondo borghese, bensì del dramma del protagonista Leone Gala il quale per sfuggire alla tragedia di una vita di dolore, decide di astrarsi, rifiutando i sentimenti e le passioni, assumendo tutta la realtà circostante a logica e ragione. Si diletta di gastronomia e filosofia, disquisendo con il cameriere di nome Filippo, ma non a caso detto Socrate, delle ultime teorie del pensiero di Henri Bergson. Egli soffre della separazione della moglie e ancora l’ama, ma riesce a mascherare tutto benissimo, perché “s’è vuotato di ogni passione”, appagandosi del gioco dell’intelletto. La moglie Silia è una donna inquieta, incapace di individuare per sé punti di riferimento, anticipatrice dell’angoscia e della alienazione d’oggi, non sopporta la compostezza e la placida indifferenza del marito. Neppure il rapporto con l'amante né la tanto agognata libertà riescono a dare un senso alla sua esistenza. Il rancore la porta a concepire una rivalsa nei suoi confronti, inducendolo a sfidare a duello il marchesino Miglioriti, responsabile di un' offesa da lei ricevuta. Ma il logico "giuoco delle parti", si trasformerà in una razionale vendetta di Leone.

IL MEDICO DEI PAZZI
di Eduardo Scarpetta

Regia di Enzo Rapisarda

Tipo di teatro: commedia

LOCANDINALOCANDINA    
La trama racconta di Felice Sciosciammocca, maschera creata da Scarpetta e resa celeberrima da Totò, arrivato a Napoli dal paese di Roccasecca dov’è Sindaco, per rivedere il nipote Ciccillo e soprattutto l’ospedale dei pazzi diretto dal nipote che invece gli ha sempre mentito e fingendo di essere medico gli ha sempre spillato quattrini per finanziare la sua carriera nel campo della psichiatria. La trovata di Ciccillo di portare lo zio a visitare la Pensione Stella, spacciandola per l’ospedale dei pazzi, confidando nell’eccentricità dei personaggi che la abitano è il pernio intorno al quale si sviluppa tutta la farsa di Scarpetta con una serie continua di battute ed equivoci che fanno ridere il pubblico a crepapelle.

L'ORSO e LA DOMANDA DI MATRIMONIO
di Anton Cechov

Regia di Enzo Rapisarda

Tipo di teatro: drammatico

LOCANDINALOCANDINA    
L'Orso - Protagonista è Elena Ivanovna Popova, una vedova inconsolabile che ha giurato, dopo la morte del marito, di non uscire più di casa e di non frequentare più alcun uomo, nonostante le insistenti preghiere a ripensare la sua decisione da parte del suo servitore Luka. La situazione si capovolge quando l'ex ufficiale di artiglieria Smirnov va dalla Popova a riscuotere delle cambiali. Il rifiuto di lei a pagare e la volontà di lui ad esigere quanto dovuto originano un dialogo concitato, che degenera in un duello fra la vedova e l'ex ufficiale con un imprevedibile esito finale.

La Domanda di Matrimonio - Fra ruggini antiche di buon vicinato, e comici squarci di vita campestre, si assiste al ruvido approccio fra due rampolli di buona famiglia in cui i battibecchi si alternano a riappacificazioni preludendo a quello che sarà la futura vita matrimoniale. Ivan Vasilevic Lomov si presenta in casa del possidente Stepan Stepanovic Cubukov per chiedere in moglie la figlia Natalia, che a sua volta pensa che Lomov sia venuto per un contratto d'affari e scopre solo alla fine che si trattava di un contratto di matrimonio. Tutto il testo è basato su questo equivoco. Partendo da una piccola disputa sulla proprietà di un prato o da un diverbio sulle capacità dei propri cani, i due continueranno a scambiarsi invettive in un crescendo di battibecchi comici dallo scoppiettante finale.

QUESTI FANTASMI
di Eduardo De Filippo

Regia di Enzo Rapisarda

Tipo di teatro: drammatico

LOCANDINALOCANDINA    
Pasquale Lojacono, il protagonista di Questi fantasmi! è un piccolo borghese che dopo aver tentato tutto il possibile nella continua ricerca d’una soluzione che gli permetta di vivere un po’ di vita tranquilla, è disposto a credere all’impossibile. Prende in affitto un appartamento di 18 stanze a Napoli sul quale girano voci di presunti fantasmi e spiriti presenti in essa. Il proprietario non riuscendo ad affittarlo, lo dà a Pasquale in modo gratuito, affinché lui possa riabilitarlo agli occhi della gente, e gli dà regole precise da seguire: cantare la mattina e la sera, sbattere tappeti da tutti i balconi che sono più di sessanta! Tutto ciò per dimostrare che non ci sono fantasmi in casa, e che va tutto bene. Pasquale arriva convinto, lui non crede ai fantasmi, ma dopo i primi racconti di Raffaele il portiere e dopo alcuni strani episodi che avvengono nella casa comincia a ricredersi.